Calibri e misure di proiettili

0
672

Calibri e misure di proiettili

Il calibro A? la misura, espressa in millimetri o pollici, del diametro interno di una canna di arma da fuoco misurata tra i pieni delle rigature.

Innanzitutto dato che stiamo parlando di misure di lunghezza e di peso sarAi?? bene introdurre le piA? usate e le unitAi?? di conversione tra lai??i??una e lai??i??altra.

Per prima cosa va detto che il Sistema Internazionale di pesi e misure riconosce oggi solo ed esclusivamente il sistema mks: metri, chilogrammi e secondi come unitAi?? fondamentali. Il sistema cgs (centimetri grammi secondi), usato spesso in ingegneria, A? stato eliminato in seguito a un costosissimo incidente occorso alla Nasa (lai??i??ente spaziale americano).

Il Pollice si indica con le virgolette (es. 14ai??? si legge 14 pollici) ed equivale a 2,54 cm. Attenzione che il simbolo accanto al nome del calibro es. 22ai??? non equivale a 22 pollici, ma va diviso per 100.
Un sottomultiplo del metro, molto usato nel misurare i calibri dei proiettili, A? il millimetro (abbreviato mm).

I calibri possono essere sia in millimetri che in pollici o in centesimi di pollice.

Il proiettile a cartuccia A? unai??i??invenzione recente, risale allai??i??inizio del novecento, i primi fucili sparavano sfere in piombo e non avevano la canna rigata. Tralasciando le numerose scoperte e invenzioni che hanno portato ai fucili automatici moderni preferiamo invece parlare della situazione attuale.

Parlare di calibri A? davvero complesso: nella storia hanno visto la luce quasi tutte le misure, per di piA? la misura espressa dal numero puA? essere sia in millimetri che in pollici e come se ciA? non bastasse a fare confusione in passato il calibro non indicava il diametro, ma il peso del proiettile!

Questi elencati qui di seguito sono i calibri piA? attualmente in uso:

Aria compressa

Calibro 4,5

A? usato nelle carabine ad aria compressa. Ha una potenza limitata rispetto a una pistola ma non va comunque sottovalutato. Dato che la spinta proviene dallai??i??aria compressa e non dalla polvere da sparo contenuta nel bossolo la sua energia cinetica dipende dallai??i??arma. Su una Diana 50 risulta essere di poco inferiore ai 7 joule.

Armi a fuoco

Calibro 22ai???:
A? un calibro usato sia nelle pistole che nelle carabine, soprattutto nelle gare, a causa del debole rinculo prodotto e della conseguente precisione. Ovviamente A? il piA? piccolo e il meno potente di tutti i proiettili; le carabine calibro 22 hanno un tiro utile di 100 metri.
Il diametro A? di 0,22 pollici cioA? 5,6 mm. Tra le carabine cal.22 sono da ricordare le Anschutz.

Calibro 6,35 mm
A? un calibro che assicura un giusto equilibrio tra potenza e precisione.

Calibro 9 mm
Eai??i?? il calibro di molte pistole semi automatiche utilizzato dalle Forza Armate. Esso ha una maggiore capacitAi?? di penetrazione rispetto ad altri proiettili e riesce a perforare alcuni giubbotti antiproiettile. Lai??i??impatto risulta inoltre piA? devastante rispetto a calibri minori, cosa che lo rende lai??i??arma ideale per fermare un uomo. Da ricordare la pistola semi automatica beretta 9×21. Il grosso calibro applicato alle pistole ha il difetto di generare un forte rinculo; richiede quindi una maggiore esperienza nel tiro.

Calibro 10
Sotto richiesta dei corpi dai??i??elite la Heckler&Koch ha prodotto una variante del suo mitra leggero MP5 che utilizza questo calibro: lai??i??MP5 SD10

Calibro 357
9,06 mm

Calibro 38ai???
9,6 mm

Calibro 40ai???
10,01mm

Calibro 44ai???
11,17 mm

Calibro 45ai???
11,43 mm

Carabine – fucili

Calibro .222 rem

Calibro. 223 rem

Calibro .243

Calibro .308

Calibro .338 lapua magnum
8,58 mm

Calibro 5.56
Calibro usato in diverse armi automatiche, standard USA e Europa occidentale.

Calibro 7,62
A? la misura standard del proiettile NATO.

Fucili a canna corta

Calibro 12:
Si basa sul numero di pallottole sferiche che si possono ricavare da una libbra (454 grammi) di piombo.

In artiglieria il calibro si usa anche per determinare la lunghezza della canna