Bombe da aereo

0
152

Esistono unai??i??infinitAi?? di bombe che possono venir sganciate da aerei. Si va dalle cosiddette ai???bombe intelligentiai???, a guida laser, alle Cluster Bomb, dalle bombe atomiche (di cui parleremo anche nellai??i??articolo intitolato ai???Armi di distruzione di massa (ABC): armi Atomiche, Biologiche e Chimicheai???) alle potentissime Blu-82, passando per le bombe incendiarie al Napalm fino ad arrivare alle moderne MOAB.

Bombe Intelligenti
Le bombe intelligenti non sono un particolare modello di bomba, ma unai??i??intera classe di ordigni dalle caratteristiche piA? disparate, ma con un punto in comune: lai??i??enorme precisione nel colpire il bersaglio. Ne avrete sicuramente sentito parlare, sono bombe capaci di colpire un bersaglio, anche in movimento, con unai??i??accuratezza di pochi metri. La cosa stupisce ancora di piA? se si pensa che questi ordigni hanno un peso di diversi quintali o addirittura tonnellate!
Controlli automatici A? il nome della disciplina ingegneristica che permette di raggiungere una tale precisione e sulla quale potete trovare maggiori informazioni in un articolo divulgativo che verrAi?? pubblicato a breve.
Per chi non A? interessato ai dettagli tecnici, quello che conta sapere A? che lai??i??accuratezza raggiunta varia a seconda delle condizioni del tempo, ma A? comunque sorprendente. Si riescono a centrare auto in movimento o mancarle al piA? di pochi metri. Per oggetti fermi la precisione A? addirittura maggiore.
Ma la domanda A?: cosa colpiscono queste bombe? O meglio, come indicargli cosa colpire?
Esistono diverse possibilitAi??: si puA? inseguire una traccia termica, oppure le coordinate possono essere acquisite tramite un gps (da satelliti spia o piccoli localizzatori piazzati di nascosto sul bersaglio) oppure attraverso il sistema a puntamento laser: si invia un uomo sul posto, armato di un Laser Target Designator. Questo apparecchio produce un fascio di luce laser (sottilissimo e perfettamente diritto e collimato), spesso invisibile allai??i??occhio umano, che viene puntato sul bersaglio. La bomba o missile viene sganciata da un aereo e segue questo puntino laser fino a colpire il bersaglio. Ovviamente il puntino deve essere tenuto stabile sul bersaglio fino allai??i??ultimo istante, tuttavia ciA? non A? particolarmente difficile nemmeno se il bersaglio si muove a velocitAi?? sostenuta.
Grazie al sistema LANTIRN A? possibile acquisire un bersaglio anche da altre unitAi??, come ad esempio un aereo o un elicottero. A? quindi per esempio possibile che un elicottero rimasto senza missili punti il suo laser su un bersaglio affinchAi?? lo colpisca un altro mezzo (es. un aereo).

Cluster Bomb (Bombe a Grappolo)
A volte la situazione richiede la distruzione di diversi obiettivi sparsi in unai??i??area piuttosto ampia. Si pensi ad esempio ad un aeroporto o una grande caserma contenente i mezzi del nemico. Lai??i??uso di una testata intelligente A? inutile, ne servirebbero decine o centinaia. Unai??i??arma piA? potente non sempre ottiene lai??i??effetto desiderato: non sempre si vuole radere al suolo la zona! Lo scopo A? invece quello di provocare caos e danneggiare mezzi e strutture del nemico. Le Cluster Bomb si separano in numerose piccole cariche esplosive che vanno a colpire il nemico in piA? punti provocando una vera e propria pioggia di fuoco e seminando distruzione. Una variante delle cluster bomb sono le testate multiple. Qui la bomba si divide in tre testate che vanno a colpire obiettivi precisi.

Blu-82
A? stata per lungo tempo la piA? potente bomba (non atomica) dellai??i??arsenale Americano. Venne inventata durante la guerra del Vietnam ed impiegata per creare zone di atterraggio per elicotteri in mezzo alla giungla. Grazie alla sua enorme potenza riesce infatti a far piazza pulita di qualunque cosa in un diametro di 500m. In Afghanistan A? stata usata come arma da ai???intimidazioneai???, per diffondere il terrore nel nemico, e convincerlo che era inutile combattere.
Al momento della detonazione, in prossimitAi?? di ai???ground zeroai???, si forma una sovrapressione di 1000 psi (pound for square inch – libbra per pollice quadrato), valore davvero impressionante (corrisponde a 450 chilogrammi di peso su ogni centimetro quadrato!).
Il peso si aggira intorno alle 7 tonnellate, A? lunga 358 centimetri e larga 137 centimetri. Contiene 5 tonnellate di esplosivo e costa 27.000$. A causa del peso enorme, viene trasportata solo dal bombardiere MC-130. Lai??i??altitudine minima prevista per lo sgancio di questai??i??arma A? di 1.800 metri, al di sotto di questa quota lai??i??esplosione coinvolgerebbe anche lai??i??aereo che ha effettuato lo sgancio.
Lai??i??arma non contiene alcun meccanismo di propulsione, nAi?? di correzione della traiettoria. A? una ai???dumb bombai???, letteralmente una bomba ai???stupidaai???, che utilizza solo la balistica per centrare il bersaglio. A? quindi soggetta a errori anche non trascurabili, sebbene il raggio A? talmente ampio da rendere difficile mancare il bersaglio.
Lai??i??esplosivo A? un miscuglio di nitrato di ammonio, alluminio, e altri materiali. Il tutto A? stato studiato in modo tale da evitare che si formi un cratere troppo profondo.

Aggiungo un ultima informazione che potrebbe interessare ai piA? curiosi. In molti film vediamo lai??i??uso di potenti ordigni convenzionali per purificare zone contaminate da virus sconosciuti e pericolosissimi. Ebbene il motivo A? semplice: oltre allai??i??intenso calore al momento dellai??i??esplosione viene prodotta unai??i??enorme sovrapressione che spinge lai??i??aria lontano da ground zero formando il vuoto. Immediatamente dopo lai??i??aria subisce lai??i??effetto contrario andando a colmare il vuoto centrale e trascinando con se alberi, case, terra, virus, batteri e qualsiasi altra cosa. Verso il centro dellai??i??esplosione dove il calore A? ancora intensissimo e capace di sterilizzare qualsiasi forma di vita conosciuta e non (a quelle temperature persino gli elementi chimici che formano le cellule subiscono danni.

MOAB
A? lai??i??erede della Blu-82, A? la piA? potente testata non nucleare dellai??i??arsenale Usa: A? la GBU-43/B, questo la sigla che contraddistingue lai??i??ultimo potente ordigno creato dagli Stati Uniti per la ai???lotta al terrorismoai???. Il suo nome ufficiale A?: ai???satellite-guided Massive Ordinance Air Blast Bombsai??? (MOAB), ma A? stata soprannominata: ai???Mother Of All Bombai??? (La madre di tutte le bombe). Pesa circa 10 tonnellate (il 40% in piA? della Blu-82) e se si pensa che lai??i??86% di tale peso A? esplosivo ad alto potenziale ci si rende conto della sua potenza. A? lunga 9 metri ed ha un diametro di appena 1 metro. A? stata sviluppata in tempo record (appena 9 settimane) per essere utilizzata nella guerra in Iraq (tuttavia ad oggi non A? ancora stata utilizzata). Non si sa con esattezza quale esplosivo venga usato: alcune fonti affermano sia a base di tritolo, altre che sia lo stesso usato nella Blu-82. Il meccanismo di sgancio A? lo stesso delle Blu-82: viene sganciata dalla parte posteriore di un C-130, ma al contrario della sua precorritrice viene lanciata senza paracadute. Questo fa sAi?? che lai??i??aereo possa volare piA? alto al momento del lancio.

Bombe al Napalm
Il Napalm A? una gelatina a base di petrolio con un additivo di alluminio. Nasce per risolvere i problemi connessi ai precedenti liquidi infiammabili: il meccanismo di combustione, il fatto che non bruciavano a contatto col ferro, e che potevano essere spenti dallai??i??acqua. Il Napalm sganciato dagli aerei non necessita di un innesco o di un esplosione per prendere fuoco, brucia per autocombustione a contatto col terreno. Si attacca come petrolio su praticamente qualsiasi superficie e brucia fino a distruggerla completamente, questa caratteristica rende possibile il suo utilizzo per attaccare mezzi blindati e corazzati che, anche se non dovessero essere distrutti, rimarrebbero senza equipaggio. Ovviamente brucia anche sottacqua. Questa terribile arma fu usata in Vietnam per distruggere villaggi e tutto quello che contenevano (militari, contraeree e civili). Durante quella guerra il suo utilizzo provocA? numerose rimostranze in America e oggi il suo utilizzo A? meno frequente.

Bombe Atomiche
La prima arma atomica fu utilizzata sulla cittAi?? di Hiroshima nel 1945. Conteneva una massa di uranio grande poco piA? di un arancia e produsse un effetto paragonabile a quello dellai??i??esplosione di 20.000 tonnellate di tritolo.
Esistono due tipi di meccanismi basati sul nucleare: fissione e fusione. A questi meccanismi corrispondono rispettivamente le bombe atomiche e le ancor piA? potenti bombe H (a idrogeno). Tuttavia con lai??i??aggettivo atomiche (o nucleari) si indicano spesso indistintamente entrambi i tipi di bomba. Per dare unai??i??idea della potenza di unai??i??esplosione nucleare si pensi che mentre lai??i??esplosione di Hiroshima rase al suolo una zona di appena mezzo km di raggio, le moderne bombe arrivano fino a 24/32 km!
In ogni caso nulla rispetto allai??i??impatto di un meteorite: la velocitAi?? dei meteoriti nello spazio A? qualcosa di immenso, nel vuoto cosmico infatti non cai??i??A? attrito e velocitAi?? dellai??i??ordine di decine di chilometri al secondo sono la norma. Quando questi enormi sassi, composti di pietra e ghiaccio, entrano nellai??i??atmosfera terrestre iniziano a bruciare, diminuendo la loro grandezza. Tuttavia quandai??i??anche rimanessero larghi pochi metri lai??i??impatto con la terra sarebbe devastante. Non parliamo poi dellai??i??effetto di meteoriti larghi centinaia di metri: i danni si estendono per decine di migliaia di km. Del resto la natura non A? certamente debole, basti pensare che lai??i??esplosione freatica di un vulcano spazzo via unai??i??isola scagliandone i pezzi su oltre 500 km di raggio!

A un esplosione atomica sono associati diversi fenomeni meno noti, che vanno dal fallout radioattivo alla distruzione di tutti i circuiti elettronici nei paraggi per lai??i??intensa produzione di radiazioni. Questi fenomeni rendono lai??i??uso delle armi atomiche quasi impossibile. Infatti basterebbero 10.000 testate nucleari per provocare un pesante inverno nucleare che cancellerebbe la vita dalla faccia della terra. Inoltre il fallout radioattivo, cioA? la ricaduta di polveri fini e radioattive, dopo unai??i??esplosione nucleare interessa unai??i??area immensa. Si pensi che arrivA? fino in Italia dopo lai??i??esplosione di Cernobyl. Infine la contaminazione da radiazioni interessa comunque unai??i??area molto vasta (qualche centinaio di km) e per diversi decenni contaminando frutta, latte, umani e animali. Con effetti che abbiamo giAi?? visto a Cernobyl, Hiroshima e Nagasaki.

Bombe di profonditAi??
In alcuni casi gli aerei vengono armati con bombe adatte a combattere i sottomarini. Queste bombe, dette di profonditAi??, sono progettate per esplodere sottai??i??acqua a una certa profonditAi?? prefissata. Le prime utilizzavano il tritolo come esplosivo e potevano essere sganciate solo dalle navi a causa delle loro dimensioni davvero notevoli. In seguito la costruzione di aerei piA? potenti e lai??i??uso di esplosivi piA? potenti ha permesso di usarle anche da aerei. Gli ultimi modelli oltre a esplodere a una data profonditAi?? possono esplodere in prossimitAi?? dei sottomarini grazie a sensori acustici o magnetici.