Armi da SoftAir

0
185
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nellai??i??articolo precedente abbiamo giAi?? accennato alle armi da soft air che tra lai??i??altro sono acquistate anche da collezionisti perchA? riproducono molto accuratamente le armi a fuoco originali. In questo articolo vogliamo trattare meglio le armi elettriche (chiamate anche AEG automatic electric gun) ovvero le piA? usate nei campi di gioco. Le A.S.G. (Air Soft Gun) elettriche hanno il loro fulcro nel gear box (o power box) che contiene tutti i meccanismi di funzionamento. Il funzionamento del fucile A? abbastanza semplice: la batteria alimenta un motorino, che in genere si trova nellai??i?? impugnatura, il quale fa girare tre ingranaggi che spostano indietro lo spingi pallini e comprimono la molla portando indietro il pistone, creando un cuscinetto dai??i??aria che spinge fuori dalla canna il pallino. Lo spingi pallini, che A? cavo per consentire allai??i?? aria di passare, quando A? spinto in avanti blocca lai??i??afflusso dei pallini dal caricatore mentre quando si sposta indietro consente al pallino di salire e poi lo spinge in avanti bloccandolo nellai??i?? hop-up. Lai??i??hop- up A? un gommino che comprime il pallino fornendogli una rotazione che consente una gittata maggiore; la pressione esercitata sul pallino puA? essere quasi sempre regolata, se si esercita una pressione maggiore la traiettoria del pallino tenderAi?? verso lai??i??alto, se la pressione A? minore la traiettoria sarAi?? verso il basso. La potenza del fucile A? determinata dalla molla, nei fucili originali Marui fornisce al pallino un energia di 0,75-0,80 J, nei fucili Classic Army sono montate le M100 che danno una potenza di 1 J. Per misurare la potenza dei fucili il club si deve dotare di un cronografo che consente un rapido controllo in base alla velocitAi?? e al peso del pallino. Unai??i?? altra cosa molto importante di cui parlare A? la batteria, che puA? alloggiare nel calcio, nel paramano (o copricanna) del fucile o sopra il gear box. In alcuni casi poi si ricorre a porta batterie esterni o a laser finti nel cui interno sono riposte le batterie. Nelle batterie il voltaggio A? importante per la velocitAi?? della raffica, mentre lai??i??amperaggio per la durata della carica. I fucili originali in genere sono costruiti con materiali scadenti e fragili ma si possono modificare per renderli piA? robusti. Gli ingranaggi dei fucili originali Marui sono di metallo molto fragile ma esistono gli ingranaggi in acciaio della Systema (elicoidali, Hight Speed, Hight Torque). I motorini piA? usati sono lai??i??EG 560, EG 700 e EG 1000.

Dopo questa breve introduzione sul funzionamento e sulle componenti principali dei fucili elettrici vorrei chiarire alcune questioni che vi potranno essere utili nella scelta della vostra ASG da combattimento. Anche se A? vero che le armi da soft air non sono armi a fuoco e quindi non si devono tenere in considerazione fattori quali la gittata, la precisione, il bilanciamento del peso, il rinculo, il tipo di cartuccia usata, ecc. ci sono tuttavia altri fattori molto importanti. Uno di questi A? la maneggevolezza del fucile da non trascurarsi soprattutto in ambiente giungla o urbano, tuttavia il calcio retrattile presenta la scomoditAi?? di dover usare batterie piA? piccole o di dover ricorrere a porta batterie esterni; A? quindi meglio scegliere un fucile compatto ma sempre con calcio fisso (A? anche piA? facile inserire la batteria che altrimenti va sempre leggermente compressa), un altro fattore importante A? la possibilitAi?? di agganciare vari accessori (dot sight, ottiche, torce, visori notturni, mirini laser, lancia granate, impugnatura anteriore). Anche la capacitAi?? del caricatore non va trascurata. Infine si deve tener conto anche dei vari vest tattici e di quello piA? adatto per portare caricatori e accessori del nostro fucile. Una buona scelta sono i fucili della serie Colt (tipo m4, SR 16) con R.I.S. (Rail Integrated Sistem) che consente il rapido montaggio di vari accessori. I fucili Colt sono facili da aprire in caso di rottura o modifica delle componenti, sono attualmente i piA? usati dagli eserciti di molte nazioni ed A? quindi facile trovare gilet tattici adatti e accessori compatibili. I fucili serie H&k mp5 sono molto maneggevoli e comodi ma presentano il difetto di portare pochi accessori (anche se un mp5 A2 con torcia e dot sight montato su slitta A? gia piA? che sufficiente).

Unai??i?? altra cosa di cui volevo parlare A? la differenza tra fucili Marui e Classic Army. Tutte e due ditte giapponesi la Marui produce da diversi anni mentre la Classic Army si A? immessa nel mercato di recente. La politica della Classic Army per competere con la Marui A? stata quella di produrre fucili giAi?? modificati, con ingranaggi in acciaio, castello (o corpo) in metallo, molla m100 con potenza 1 J, motore high speed, caricatore di serie da 300 bb, praticamente allo stesso prezzo della concorrente. La Marui fornisce di serie un caricatore da 70 bb, molla di potenza 0,80 J (vi assicuro che la differenza si nota molto), ingranaggi di serie in metallo scadente. Detta cosi verrebbe da comprare solo fucili Classic Army ma A? bene dare alcune avvertenze. Innanzitutto i modelli di fucili disponibili Marui sono moltissimi mentre la Classic Army attualmente produce solo serie Colt e H&K mp5 oltre a un fucile di precisione m24, poi si deve dire che le rifiniture dei fucili Marui, a livello di tecnica sono migliori, sia perchA? opere da piA? anni, sia perchA? effettua maggiori controlli. I Classic Army della serie Colt possono dare qualche problema, quelli serie mp5 vanno molto bene. Comunque sia nei fucili Classic Army si devono usare solo pallini Excel o Marui e non si deve mai chiudere completamente lai??i??hop-up per evitare che il pallino si incastri. Nei fucili Marui si possono usare anche pallini della King, ottimi oltretutto per le pistole.
PS: Una sola raccomandazione. Usate sempre gli occhialini protettivi, non toglieteli nemmeno se si appannano, o se la partita A? finita. Potrebbe sempre partire un colpo. Inoltre se l’avversario dovesse arrivarvi a pochi metri di distanza arrendetevi anche se non siete stati colpiti! A quella distanza si rischia infatti di farsi male o addirittura ferirsi, se volete evitare queste situazioni basta che usciate allo scoperto quando il nemico A? ancora distante invece di aspettare che sia arrivato al bordo del vostro “bunker”.