Come realizzare e promuovere un sito di abbigliamento militare

0
36
divisa militare

Realizzate e promuovere un sito di abbigliamento militare non è poi tanto differente da quelli sviluppati per altri settori merceologici. Ci sono una serie di raccomandazioni utili per la buona riuscita del lavoro, e una serie di errori da evitare assolutamente. Vediamo insieme come fare.

Realizzare un sito di abbigliamento militare

Partiamo dal presupposto che per la realizzazione e la promozione di un sito di abbigliamento militare, la scelta migliore è quella di affidarsi a un’agenzia specializzata di professionisti in grado di svolgere un lavoro a regola d’arte. Ovviamente ciò comporta una spesa decisamente superiore rispetto ad un tradizionale fai-da-te, spesso non sostenibile dalle attività, soprattutto quelle di nuova apertura.

Appurato ciò, a patto di avere dimestichezza con i principali strumenti informatici, meglio realizzare il sito con wordpress. In circolazione difatti, come facilmente immaginabile, esistono un’infinità di società che offrono la possibilità di realizzare il proprio sito web in autonomia e a costi contenuti e spesso stracciati. Tali possibilità però, spesso risultano limitanti, non tanto per la realizzazione in sé, che spesso può risultare anche accattivante sotto l’aspetto grafico, quanto come vedremo per la successiva promozione. Utilizzando wordpress invece, le possibilità di personalizzazione in tutte le fasi sono moltissime, perché come vedremo essere presenti sul web senza un buon posizionamento, è inutile.

Promozione di un sito di abbigliamento limitare

Come anticipato, la realizzazione in sé di un sito di abbigliamento militare, è solo metà dell’opera da compiere per il successo dell’attività. Molto spesso e volentieri difatti, l’attenzione viene posta sulla grafica del sito, al fine di farla risultare accattivante. La cura di tale aspetto, seppur sia ovviamente importante perché come avviene in un negozio tradizionale la vetrina deve essere in ordine, risulta inutile se non viene effettuato un adeguato lavoro di promozione del portale.

In prima battuta, per aumentare le probabilità di essere intercettati dai navigatori, la regola d’oro è quella di inserire quanti più contenuti possibili sul sito, che possibilmente dovrebbe essere dotato di una sezione dove pubblicare post o meglio ancora di un blog, in grado di offrire appunto contenuti di valore. Chiaramente scrivere, e soprattutto farlo per il web, non è qualcosa che chiunque può fare, motivo per cui se non si è pratici, il consiglio è di rivolgersi ad esperti di Content Marketing oppure a Copywriter.

In secondo luogo, un aspetto che deve essere curato in maniera maniacale, è quello della SEO (Search Engine Optimization), un tema davvero molto vasto e complesso sotto l’aspetto tecnico. Volendo riassumere la questione, la SEO ha la finalità di rendere più visibile il sito sui motori di ricerca, aumentando il numero dei visitatori quindi dei potenziali clienti. Se tale tematica è sconosciuta, in questo caso è assolutamente indispensabile rivolgersi a dei professionisti. Essere presenti sul web, senza essere visibili, vanifica ogni sforzo commerciale.

Una volta realizzato il sito, ed averlo opportunamente ottimizzato per la SEO, rimane la promozione fine a sé stessa, che può avvenire in più modi. Uno dei più utilizzati è quello di avviare una campagna pay per clic con Google Ads, che permetterà di comparire il sito di abbigliamento militare tra i primi risultati di ricerca di Google in base alle parole chiave scelte che identificano il prodotto. Anche in questo caso, a meno di non avere competenze specifiche, il consiglio è quello di rivolgersi ad un’agenzia web. La spesa sostenuta non deve essere considerata come un costo, ma come un investimento. Meglio saranno svolte queste fasi, maggiore sarà il ritorno sull’investimento stesso.

Sito di abbigliamento militare: promozione social

Un’altra possibilità per una corretta sponsorizzazione di un sito di abbigliamento militare online, è quella di sfruttare le infinite potenzialità dei canali social, come Facebook, Instagram o altri. Anche in questo caso però, aprire una pagina non è sufficiente per raggiungere lo scopo desiderato, perché dovranno essere pubblicati con una cadenza regolare contenuti interessanti, sviluppate relazione con il pubblico che può diventare cliente, e molto altro ancora. Per la sponsorizzazione delle pagine, ad esempio Facebook mette a disposizione le Facebook ADS, cioè inserzioni sponsorizzate in grado di aumentare, se correttamente impostate, l’afflusso dei visitatori alla pagina e di riflesso al sito internet.